Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/159


CAPITOLO VII - TOMO IV. 749 tori, dei superbi, dei violenti, lo saranno più dei padri loro: Gran Dio! questo flagello non corregge il mondo:1 è una grandine che percuote una vigna già maledetta: tanti grap¬poli abbatte; e quei che rimangono, son più tristi, più guasti di prima. Tu stesso, o Fermo, tu stesso, qui dove l’uomo non dovrebbe aver cuore che per la misericordia, tu odiavi ancora I » Fermo non disse nulla, ma il suo vólto esprimeva il pentimento.2 « Or va, » disse il padre alzandosi: « Iddio benedica le tue ricerche.» «Vuol dire, padre, ch’io la troverò?» richiese Fermo ansiosamente, come se parlasse ad un uomo che ne 3 potesse saper più di lui. « Cercala con perseveranza, » rispose il padre, « cercala con fiducia, e con rassegnazione. Iddio può fare che tu la trovi, ma non te l’ha promesso. Ti ha promesso di perdo¬nare tutti i tuoi falli, se tu perdoni a chi t’ha offeso; ti ha promesso di renderti felice per sempre al fine di questa vita, se tu osservi la sua legge. Non ti basta? Va e qua¬lunque sia 4 il fruttò della tua ricerca, vieni a darmene con¬tezza: noi ringrazieremo Dio insieme.» Cosi dicendo, egli pose le mani su le spalle di Fermo, e stette un momento colla faccia elevata in atto di preghiera e di benedizione. Poi staccandosi, disse: «Intanto io pregherò per voi ;5 assistendo a questi nostri fratelli, io pregherò per voi. » Fermo si prostrò ginocchioni stette un momento con le mani6 compresse al vólto, piangendo, e pregando; s’alzò, guardò intorno, usci dalla capanna, e si diresse alla 7 Chiesa, come gli aveva indicato il capuccino.8 Egli era scomparso, e andava cercando intorno dove fosse più bisogno 0 della sua assistenza. 1 è come una gragnuola — 2 Accanto a questa parola, come più avanti accanto a per voi segno verticale in margine, del Manzoni. — :i sapesse più di lui | po — 4 l’effetto — s servend — 0 strette — 7 parte che gli — 8 che [già] intanto era — 5 [del] dei suoi servigi