Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/142


GLI SPOSI PROMESSI era entrato 1 con molta maraviglia, ed uscito con molta paura un anno e mezzo prima.5 Ad ogni passo, nuovi oggetti altra volta veduti3 rendevano più vivo e più chiaro il rico¬noscimento di Fermo; ma, dove * ebbe la persuasione, fu al passare dinanzi alla piazza, al convento dei capuccini.5 Al¬lora riconobbe la porta orientale; si risovvenne 6 che’1 al di fuori di quella era il lazzeretto;* e per quanto5 pieno di dolore, di difficoltà, e d’angosce fosse l’affare che lo stra¬scinava in quel luogo, pure ,0 il povero giovane si senti tutto rincorato nel pensiero d’essere giunto senza studio, sicu¬ramente, in carrozza, quale ella si fosse ; questo gli parve un buon principio, e un buon augurio. Oltrepassato il con¬vento, “ Fermo pensò che sarebbe meglio 11 spacciarsi da quella compagnia, e uscir dalla porta a piede. 13 Vide che i monatti invasati nel loro canto non badavano a lui, fece un cenno di saluto e di ringraziamento ad uno che gli era più vicino, e balzò dal carro 14 in sul pavimento. Quel mo¬natto 11 lo accompagnò con un saluto schernevole della mano e del vólto, dicendogli: « va, va, povero untorello; tu non sarai quello che spianti Milano. » Per buona sorte ’* non v’era 11 anima vivente per la via, che potesse udire quelle parole. Fermo s’indugiò, tirando presso al muro, tantoché il carro si allontanasse, e a passo lento giunse 18 presso alla porta; vide spuntate l’angolo di quel recinto, dove erano ad¬densati più guai che non ne fossero sparsi19 nella dolorosa città ch’egli aveva !0 percorsa ; passò il cancello, e gli si spiegò dinanziS1 la scena esteriore del lazzeretto: il principio ap¬ 1 ed uscito — * A proporzione [ch’egli avanzava] che il carro avan- zava verso la porta, Fermo | il riconoscimento — 3 nuovo me — 4 fu — 5 Lo riconobbe, [si] si risovvenne allora tosto che — 6 to — 7 subito — 8 e il pensiero d’esser giunto senza saperlo, in carrozza, quale ella poi si fosse, al luogo appunto [dove tende | donde) che era cosi impacciato di trovare, lo rianimò tutto; (lacuna) — * doloroso — 10 il pensiero d’essere — 11 Fer — 12 uscir dalla porta a piede, — 13 Gua — 14 nel — 15 Gli — 16 la via — 17 [chi po] perso — 18 [alla porta, usci, e si trovò su | dinanzi ai lazzeretto | usci, e vide | usci; e | e sul limitare | e posto il piede sul limitare | e sul limitare di quella | alla porta) presso alla porta, vide spuntare l’angolo del lazzeretto ; passò il cancello, [e | pa) e passato il limitare gli si spie¬gò — iQ [per la] in — 20 pers — 21 la vasta [varia] diversa, tumul¬tuosa, inenarrabile scena del lazzeretto

CAPITOLO VII -