Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/140


730 OLI SPOSI PROMESSI musica infernale mista al tintinnio 1 dei campanelli e allo strepito del carro 2 rimbombava orrendamente pel3 vóto si¬lenzioso delle vie, e4 stringeva amaramente il cuore dei pochi rinchiusi nelle case, dinanzi alle quali il carro tra¬scorreva. Fermo vi stava ritto tuttavia s ansante per la corsa, e per la tema avuta, agitato di dentro in una successione flut¬tuante di passioni e di pensieri. Da prima provò 0 un vivo ristoro 7 del vedersi in salvo, quindi, dabbene come gli era, ringraziò Dio che Io avesse scampato da un tanto pericolo;" ma non lasciò per questo di sentire un gran rancore per quei bestiali suoi persecutori; qualche momento dopo" co¬minciò a 10 parergli ben fastidiosa 11 la compagnia di quei morti 12 da cui era circondato, e di quei vivi, pei quali i3 sen¬tiva ad un punto riconoscenza e orrore. 14 Pensò da poi che, se ben salvo, era pure 16 ancor bene impacciato; pensò al modo di uscire dal fastidio, senza in¬cappare di nuovo nel pericolo e di trovare il ll! lazzeretto, dal quale 11 egli era 18 lontano forse chi sa quanto; e forse se ne andava sempre più allontanando. Domandarne a quei suoi ricettatori, " il cuore non glielo diceva: sarebbe stato 20 un esporsi a mille inchieste,21 attirarsi Dio sa quali parole,22 impegnarsi in un colloquio né aggradevole, né 2:1 troppo sano. Fermo era già ’1 anche troppo imbarazzato25 in quella poca conversazione, che aveva dovuto fare con essi:2" vedeva che quegli, che Io avevano salvato, erano sul conto suo nello stesso inganno di quelli che lo volevano morto;27 non si curava di sgannare coloro, e nello stesso tempo sentiva troppa ripugnanza a dir cosa che gli confermasse28 nel loro errore.20 Cercava quindi di lasciar cadere i discorsi, senza però mostrare né ripugnanza, né sospetto, né fare atto, che 1 discorde — 2 riempiva — 3 vuoto — 1 faceva trasalire i languenti —1 [in una] agitato da una successione — * una — 7 dell — s con tutto ciò— » [cominciò]gli venne — 10[pesargli| parergli — " quella — 12in mezzo ai quali si trovava, e d — l3provav — » Poi ricadde nel pen¬siero dell' impaccio in cui egli era ancora, (lacuna)— 15tutto — IC canto del — 17 forse — 18 lontan — ,a esporsi non gli pareva troppo sano — 20 un esp — 21 [e Fe] e Fermo | e a —22 e —23 troppo — 21 tro — di que — 20 e ch’egli si studiava di render più asciutta che fosse possibile, senza però mostrare né ripugnanza né sospetto — 27 e non sapeva troppo se lo sgannare coloro avrebbe — 28 nell — -J Si stu¬diava quindi

CAPITOLO VII - TOMO IV. 731 gli alienasse l’animo di quegli, che alla fine erano i suoi protettori in quel momento. Chi poteva sapere a che filo tenesse quel loro favore e la loro condiscendenza? forse1 alla sola idea che Fermo fosse un propagatore delfa peste;* il favore3 degli uomini4 benevoli è talvolta cosi fragile, cosi permaloso,6 che una picciola cosa basta a disgustarlo; la buona gente si stanca talvolta per si poca cosa di pro¬teggere un disgraziato; pensate0 poi una feccia di ribaldi come quelli. Per tutte queste ragioni Fermo fu molto con¬tento quando7 vide che essi non lo stimavano degno della loro attenzione; e8 fu grato alle sue orecchie (... che cosa non può divenir grata in questo mondo!...) quel canto, che lo toglieva dall’intrigo di quella conversazione. " Intanto il carro s’era già allontanato abbastanza,10 perché Fermo non temesse " più di esser raggiunto 12 dai suoi nemici; i quali del resto s’eran dispersi; non restava 13 che il 14 peri¬colo di abbattersi in uno di quelli che lo riconoscesse, e gli rizzasse di nuovo 10 la gente addosso; pericolo lontano, ma che poteva crescere in proporzione della strada, che 17 Fermo avrebbe ancora a percorrere.18 In questa tempesta di pensieri egli girava attorno uno sguardo sospettoso e ir¬resoluto, quando gli parve di riconoscere il luogo per dove passava: richiamò le sue memorie, guardò più fisamen¬te. ..10 — questa via non mi è nuova, di qua son passato cer¬tamente. —!0 Fermo non s’ingannava: il carro, diretto 21 alla gran fossa scavata dietro il lazzerettoss e denominata il Fopponedi san Gregorio, scorreva53 nella via chiamata allora il!4 borgo ed ora il corso di porta orientale, K per cui Fermo 1 non era all’ idea — 2 Qui finisce