Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/132


GLI SPOSI PROMESSI Fermo si senti colpito d’una1 tristezza più nera che mai, d’una tristezza sospettosa, atterrita, tanto che non potè te¬nersi; e, quasi smarrito andò a corsa verso 2 il crocicchio3 che facevano le due vie. Quando 4 vi fu, vide5 per quella appunto ov’egli doveva entrare una torma di gente6 gui¬data o cacciata al lazzeretto da un commissario, e da molti monatti. 1 A misura che quella trista processione passava di¬nanzi a Fermo, il suo occhio inquieto, quasi appannato correva e ricorreva 8 per la moltitudine, trasceglieva e spiava

  • con terrore ogni vólto femminile, si spingeva verso quelli che arrivavano, tornava a quegli che erano passati... Lu¬cia non v’era. Fermo su le prime respirò, come uscito d’un grande spavento; ma tosto ricadde lu nella sua ambascia, pensando che “ egli andava 12 non a veder forse, ma ad udi¬re di peggio. Erano languidi che si strascinavano a stento, alcuni sostenuti dalle braccia 13 di figli, di padri, di fratelli, di mogli, che per pietà o per disperazione sprezzavano il pericolo del contatto; alcuni spinti a forza, resistenti in vano, gridanti ili vano che volevano morire sul loro letto, e rispondendo 14 imprecazioni impotenti alle bestemmie im¬periose dei conduttori ; altri che, appoggiati ad un bastone, andavano in silenzio (dove erano comandati) senza dolore, senza speranza, insensati;l!’ donne coi pargoli in collo; fan¬ciulli,.spaventati dalle grida,10 da 17 quegli ordini, da 18 quella compagnia più che dal pensiero 19 confuso della morte,20 i quali ad alte strida imploravano la madre, e le sue braccia fidate, e di restare nel noto soggiorno. Ahi ! e forse la ma¬dre, che essi credevano d’aver lasciata 21 dormente sul suo letto,22 vi s’era gittata oppressa tutt’ad un tratto dal morbo,23 priva di senso, per esser portata sur un carro al lazzeretto, o

1 pietà — 2 la croce — 3 che faceva la [strada] via nella quale egli si trovava con quella a cui era avviato — 4 fu presso — b [nella via a mano diritta] a destra — 4 condotta al lazzeretto dai commissari e dai monatti — 7 [L’oc | quindi] L’occhio di Fermo [corse] inquieto e quasi appannato, corse, ricorse per quella moltitudine, spiò con terrore |tutt] ogni vólto femminile per vedere se mai (lacuna) — 8 su tutt — J con terrore — 10 nel suo smarrimento — “ forse — 12 non a — 13 di loro congi — 14 bestemmie — 16 fanci — 14 dalla — 11 quei comandi — ,s quello spettacolo — 1!i oscuro —20 che — 21 addormentata — 28 v’era ca — 23 [non aveva pur potuto accompagnare] perduto ogni senso non aveva potuto

CAPITOLO VI -