Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/131


CAPITOLO VI - TOMO IV. 721 il monatto,1 fatto arrendevole, forse più per una nuova ri¬verenza, che * per la3 insperata mercede, aveva fatto sul carro4 un po’ di luogo al picciolo cadavero. La-donna6 diede un ultimo bacio alla figlia,5 ve la collocò, e rivolta al monatto disse:7 «ricordatevi: Dio8 vedrà se mi tenete la promessa; e ripassando di qua stasera, salite a prender me pure, e non me sola..» Cosi detto rientrò in casa, e 9 dopo [un] momento 10 com¬parve alla finestra, con un’altra più tenera sua fanciulla nelle braccia, viva, ma coi segni della morte in vólto. Stette a contemplare la figlia giacente sul carro, fin che il carro si mosse,11 finché rimase in vista;12 finché sparve; e 13 depose sul letto quell’altra 14 cara innocente, e vi si sdrajò poi al suo fianco 16 a morire insieme; come & pianta s’inchina16 col fiore appena sbocciato,17 al calare della falce, che 18 ag¬guaglia tutte l’erbe del prato. Fermo si mosse pur egli,19 più altamente compunto che non fosse mai stato in tutto quel viaggio, e per la prima volta molle di lagrime. < O Signore I » diss’egli, « esauditela I pigliatela con voi, sarà una ventura per quella travagliata l’uscire di tanti guaj.. . Una ventura I E Lucia ! » Con questa parola in sul cuore egliao s’affrettò su quella via,21 alla quale, se il cittadino 22 lo aveva bene indirizzato,23 metteva capo 24 quell’altra, a cui egli agognava e tremava di arrivare. Ed ecco, da quella parte appunto venire un 25 frastuono sordo, poi26 più risuo¬nante, ma confuso, un suono diverso di voci alte, brevi, e imperiose, di fiochi lamenti, di guai lunghi, di singhiozzi27 femminili, di28 garriti fanciulleschi. 29 A quel suono, al pensiero del luogo donde partiva, 1 divenuto ubidiente forse più — 2 pel guadagno — 3 mercede — 4 un — 5 vi compose la figlia, — 0 [la vi compose] la col¬locò ivi come sur un letto — 7 con un tuono — 8 veglierà: io non potrò chiedervi conto della promessa, né il mio vólto oscurarsi, ma l'anima sarà dinanzi a Colui che rende giustizia. — 9 un — 10 do¬po — 11 [e poi ritrattasi nella stanza] allora ritratta — 12 e poscia tosto scomparve (lacuna) — 13 [poi allora ritrattasi, si gettò con l’altra l’ultima ciò che gli rimaneva di caro] e allora ritiratasi — u diletta — 15 per — 16 sul fiore [ad) ad inaridire — 17 [radere] radere — 18 agguaglia, dove [rade] passa — 111 come risentito da un sogno, e si trovò tutto molle di lagrime, più compunto — 20 s’avanzò — 21 in capo — 22 gl — 23 [era quella | dove | dove] faceva capo | a cui — 2i queU’ultima — 25 romore — 2,J alto, più spiegato — 27 di —28 garriti — 2y [il luogo | il luogo] A MANZONI, Gli sposi promessi. 46

722