Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/128


nzi a lui, dare addietro l’un dopo l’altro, e riprendere la stra¬da donde erano usciti. Giunto al canto, guardò che fosse la cagione di questi lor pentimenti, e vide nel mezzo di quella via 13 quattro carri fermati;14 e, come in Un mercato di grani si 15 vede un andare e venire di gente in dai muc- chj ai carri, un caricare, un rovesciare di sacca, cosi era la pressa in quel luogo: monatti che entravano nelle ca¬se, monatti che uscivano, recandosi un carico su le spalle; cr lo ponevano 17 su l’uno o su l’altro carro; talvolta ripi¬ gliavano il peso già deposto,18 sul carro degli infermi, e lo gettavano su quello dei morti; era uno che, preso se¬mivivo su le loro spalle, aveva esalato l’ultimo respiro 1 in molti — * cadaveri — 3 Cosi — 4 torcere — r’ ad ogni passeggiero — ® [al] al guardo — 7 al pare — 8 dalla vista — ® altre reliquie umane, [buttate | gettate | scomposte] gettatesfor¬mati — 11 [e fra tutti i segni | e mostrando tutti i segni della morte, fuor che il riposo | e con tutte le più difformi dolorose im¬magini della morte non presentavano pur quelle del riposo | e pre¬sentavano le più dolorose im | immagini della morte] (lacuna) e con tanti e diversi segni [della | impressi di tante | e diverse | e do¬lorose immagini] della morte, (lacuna) presentando (lacuna) — 12 al — 13 dov — 14 [e intorno ai carri, una pressa e nelle case] e alle porte vicine una pressa; monatti — IR vede — 16carica — 17 sul — i8 e lo cangiavan di luogo ; con uno che [aveva] preso semivivo su le loro [spalle per esser] portato [condotto al lazzeretto] spalle per es¬ser collocato fra gl’ infermi,

CAPITOLO VI -