Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/100


SSI ed alto : era 1 Fra Cristoforo. Tanto più Don Rodrigo avreb¬be voluto fuggire ; ma la folla degli incantati era 2 fitta ed immobile. Gli parve allora che il frate, girando gli occhj su l’uditorio, senza3 fermarli sopra di lui, sciamasse ad alta voce : ' « Per li nostri peccati, la fame ! Per li nostri peccati, la guerra ! Per li nostri peccati, la peste ! La peste ! Povera gente!5 ella vi rode tutti, dal primo fino all’ultimo:6 tutti avete i segni della morte in vólto : beati quelli7 fra voi che sono preparati a riceverla. Ma ... » e qui pareva a Don Ro¬drigo che il frate ristesse, come sopraffatto da un pensiero repentino e profondo : ed egli stava ansioso, attendendo. Oli pareva * che gli uditori non facessero pur vista di scuo¬tersi, e che il frate tutto ad tratto, guardando a lui, e come ravvisandolo, fermandolo col guardo e con la mano alzata, “come un bracco sopra una pernice, dicesse ad alta voce: «Tu sei quell’uomo ! “ Or ci sei giunto: ascolta. Quanto ti sarebbe costato12 il rinunziare a quel capriccio infame ? Torna indietro13 con la mente, e dillo. Un picciolo pensiero dj pietà;14 ma tu non hai voluto. Tu hai messo da una parte su la bilan¬cia l’angoscia,15 l’obbrobrio, il crepacuore, il terrore,.1" d’un’a- nima innocente;17 hai pesato; e hai detto — non è niente: pesa più il mio capriccio -. Ora le bilance sono rivolte : l’an¬goscia si versa sopra di te ; prova se è niente. » A que¬ste parole, Don Rodrigo 1H voleva gridare, nascondersi, fug¬gire; e si destò spaventato. Stette un momento13 a ravvisarsi; vide che era un sogno;20 ma, aprendo gli occhi, senti ancor più vivo il ribrezzo e il dolore della luce; forzandosi di guardare 21 intorno, vide il letto, le scranne, i travicelli della soffitta confondersi in forme strane;22 senti nelle orecchie un ronzio nojoso e violento, ai cuore un battito23 accelerato, affannoso; si senti più spossato e più arso che alla sera ì fra _ ? ta — 3 fermargli — 1 Per li nostri peccati ! La fame ! la guerra — r* tutti l’avete dal primo | tutti — Gli uditori non facevano pur vista di scuotersi, ma il frate tutto ad un tratto fissav] sembrava a Don Rodrigo — 7 che — 8 che — 9 Le parole come un bracco sopra una sono sottolineate in lapis. — " quello _ ii tu — i* di — 13 col pensiero, e dillo. Ma tu non hai vo¬luto — u e di — 15 il disonore ; i torment — 10 Po — ,T dall’alt | e — «* diede un urlo — 19 a riconoscersi — 20 si senti spossato, arso più di prima, senti nelle orecchie un ronzio nojoso e violento; guardò intorno e senti [un) più viva [quel dolore) quella puntura alle ascelle che aveva provato in sogno: — 21, vide - J- senti — - continuo