Pagina:Gli sposi promessi I.djvu/83

64 gli sposi promessi - tomo i

quali molti si 1 conoscevano per forestieri 2 che la fame aveva cacciati da luoghi più miserabili, dove 3 la carità consueta non aveva mezzi per nutrirli; e che 4 passando a canto ai pitocchi 5 indigeni del cantone gli guardavano con diffidenza e ne erano guardati in cagnesco come usurpatori. Di tempo in tempo si vedevano 6 alcuni 7 i quali dal vólto dal modo e dall’abito mostravano di non aver mai tesa la mano e di essere ora indotti a farlo dalla necessità. 8 Passavano cheti a canto al Padre Galdino, facendogli umilmente di cappello, senza dirgli nulla, perché la sola 9 parola che indirizzavano ai passeggeri era per chiedere l’elemosina, e un capuccino, come ognun sa, non aveva niente. Ma il buon Padre Galdino si volgeva a quelli che apparivano più estenuati, più avviliti, e diceva loro in aria di compassione: «Andate al convento, fratello; finché ci sarà un tozzo per noi, lo divideremo.» I contadini sparsi pei campi non rallegravano più la scena di quello che facessero i poverelli. Salutavano essi umilmente il Padre Galdino, e quelli a cui egli domandava come l’andasse: «Come vuole padre?» rispondevano: «la va malissimo.» Alcuni, che in tempi ordinarj non avrebbero 10 osato fermar e interrogare il Padre Guardiano, 11 fatti più animosi per la miseria dei tempi gli dicevano: «Come anderà questa faccenda, Padre Galdino ?»

«Sperate in Dio che non vi abbandonerà. Povera gente! il raccolto è proprio andato male?»

12 «Grano non ne abbiamo per due mesi, le castagne sono fallate e il lavoro cessa da tutte le bande.» 13

Questa vista e questi discorsi crescevano vie più la 14 mestizia del buon Capuccino, 15 il quale camminava col

  1. conoscev
  2. spinti dalla fame | ca
  3. non potevano
  4. avevano
  5. più
  6. comparire uomini i quali
  7. [i quali apparivano] i quali si vede
  8. Passando [questi a] tutti a canto al Padre Galdino
  9. cosa che essi d
  10. ardito
  11. ora
  12. Non ne abbiamoper due mesi ;le casta
  13. I ricchi diventano crudeli
  14. tristezza
  15. [il quale già s’era mosso col presentimento di andare ad udire una sventura, poiché l’invito e la premura di Lucia] al quale l’invito di Lucia e il mistero e la premura con cui gli era stato [fatto] mandato, facevano presentire una qualche sventura. (Qui lacuna d’un rigo e mezzo.) Ma (altra lacuna d'un rigo) al quale il cuore diceva già ch’egli s'incamminava ad udire una qualche sventura.