Pagina:Gli sposi promessi I.djvu/51

Gli sposi promessi - Tomo I - Fermo.png



Cap. II.

Fermo. * 1



La consulta fu tempestosa e durò tutta la notte. L’egoismo, la debolezza, e la paura vi si trovavano come in casa loro, l’astuzia doveva quindi essere incitata, e ricevere l’incarico di1 proporre il partito, e cosí fu. Senza annojare il lettore colla relazione di tutte le fluttuazioni, dei ripieghi accettati e rigettati,2 basterà il dire che il partito di fare quello che si doveva senza darsi per inteso della minaccia non fu nemmeno discusso, che si pensò a quello di assentarsi3 tanto da aspettare qualche beneficio dal tempo, ma questo anche fu4 rigettato perché5 non v’era spazio per eseguirlo.6 La celebrazione del matrimonio era stabilita pel giorno7 vegnente, e una partenza di buon mattino, senza lasciare nessuna disposizione8 avrebbe avuto tutto il colore d’una fuga, ed esponeva a molti impicci e rendiconti.9 Fu però riservato questo ripiego per l’ultimo, cercando intanto di guadagnar tempo e di agire sulla parte piú debole.10 D. Abbondio si preparò a questo esperimento,11 passò in rassegna tutti i mezzi di

  1. Prima del testo, a margine, in lapis: «Ce titre n'est il pas un peu trop vague?»
  1. [fare le proposizioni, e cosí fu] trovare il ripiego
  2. daremo la
  3. per qualche tempo, tanto che venisse qualche uno
  4. messo in|trovato tropp inopportuno, [giacché] perché
  5. era troppo tardi. Infatti il matrimonio era rimandato
  6. Il matrimonio doveva e
  7. che si avvicinava
  8. sarebbe
  9. Si riservò quel|però
  10. D. Abbondio si preparò a questo esperimento con trovati corrispondenti
  11. riandò tutti i mezzi [coi quali] di superiorità