Pagina:Gli sposi promessi I.djvu/34


capitolo i. - il curato di... 15

ginoso negli intervalli, ma1 appena appena dove il terreno s’alza al disopra delle escrescenze del lago e del traripamento della foce dei torrenti, ivi2 tutto è3 prati campagne e vigneti, e questo tratto d‘ineguale lunghezza4 è in alcuni luoghi forse d’un miglio.5 Dove il pendio diventa piú ripido son piú frequenti, e assai piú lo erano per lo passato, gli ulivi; al disopra di questi sulle falde antiche dei monti cominciano le selve di castagni6 e al di sopra di queste sorgono le ultime creste7 dei monti,8 in parte nudo e bruno macigno, in parte rivestite9 di pascoli10 verdissimi, in parte coperte di11 carpini, di faggi, e di qualche abete. Fra questi alberi crescono pure varie specie di sorbi e di dafani, il cameceraso, il rododendro ferrugigno ed altre piante montane, le quali rallegrano e sorprendono12 il cittadino dilettante di giardini, che per la prima volta le vede in quei boschi, e che13 non avendole incontrate che negli orti e nei giardini, è avvezzo a considerarle colla fantasia come quasi un prodotto della coltura artificiale piuttosto che una spontanea creazione della natura. Dove poi la mano dell’uomo ha potuto portare14 una piú fruttifera coltivazione, fino presso alle vette non ha lasciato di farlo,15 e si vedono di tratto in tratto dei piccioli vigneti posti su un rapido pendio e che terminano col nudo sasso del comignolo. La riviera è tutta sparsa di case e di villaggi: altri alla riva dei lago, anzi nel lago stesso quando le sue acque s’innalzano per le pioggie, altri sui varj punti del pendio, fino al punto dove la montagna è nuda, perpendicolare ed inabitabile.16 Lecco è la principale di queste terre e dà il nome alla riviera: un grosso borgo a questi

  1. [appena appena] dove appena appena il terreno s'alza al disopra del [sale] si trova dove il terreno
  2. comincia
  3. a vigneti e campagne
  4. secondo
  5. Dove il pendio [comin] diventa piú ripido, e cominciano le piú antiche falde dei monti
  6. e sopra
  7. del Monte di S. Martino, e del
  8. coperte a luogo a luogo di faggi querci pini|e di faggi e di qualche abete, e [a luogo a luo|e per molti tratti nudo macigno annerito e bruno macigno|nudo e bruno macigno] a luogo a luogo, nudo e brullo macigno [nudo e bru]
  9. coperte
  10. che in parte
  11. carpini di faggi e di abeti, e su|qualche foresta. Ivi presso le querce e i faggi e qualche abete cresciuto
  12. l'abitante del piano
  13. avvezzo a non incontrarle
  14. la cultura piú in su
  15. e si vedono in alcune parti [del]di quei monti le vigne cosí|dove sotto i comignoli si distende un pendio meno ripido, ivi so
  16. [La principale di queste] Lecco, la