Apri il menu principale

Pagina:Gli amori pastorali di Dafni e Cloe.djvu/91




RAGIONAMENTO QUARTO.





In questo tempo venendo di Metellino un certo servo compagno di Lamone, portò nuova che ’l padrone, pochi giorni avanti la vendemmia, visiterebbe la villa, per rifornirla se in cosa alcuna per il guasto de’ Metinnesi, di peggio la trovasse. Era di già passata la estate, e cominciava l’autunno; per che Lamone di corto aspettandolo, si diede ad assettar le stanze, e tutto il podere sì, che quando venisse, di ciò ch’egli vedea, diletto prendesse. Purgò le fontane, perchè l’acque fossero limpide; sgombrò lo stabbio della corte, perchè lo puzzo non lo noiasse; coltivò tutto il giardino, perchè vago dovunque guardava gli si porgesse. Era questo suo giardino ad uso de’ regali, bellissimo e dilettoso; d’una lunghezza di braccia trecento1 e di larghezza di dugento. Di sito posto sopra un poggio elevato ed arioso, ed esso per lo lungo a modo d’un gran piano si distendeva. Era tutto d’alberi pieno, di mela, di mortelle, di pera, di granati, di fichi, d’olivi e di altri di questa fatta. Avea dall’un dei lati un alboreto, ed a ciascun

  1. Il Caro ha lasciato i numeri in bianco; nel greco v’è uno stadio, misura prossima alla qui assegnata.