Apri il menu principale

Pagina:Giuseppe Sordini Il duomo di Spoleto.djvu/7




IL DUOMO DI SPOLETO


Delle origini, secondo i documenti.



Tommaso Hope, in quella sua fantastica Storia dell’Architettura1, sull’incerto ricordo di una fugace visita, o sopra un disegno infedele, a pag. 322, scrisse intorno al Duomo di Spoleto queste mirabili parole: «Cattedrale pseudo gotica: la parte inferiore ed il portico in istile del risorgimento. Due pulpiti: superiormente un arco acuto o composto, entro cui una pittura a musaico circondata da molti rosoni; nel mezzo vedonsi i simboli degli Evangelisti. Il frontispizio è basso e mozzato.» Tommaso Hope, se vide il monumento, non lo intese2; nè molto più meglio di lui, purtroppo, lo intesero e ne scrissero quanti, fin qui, ne hanno trattato.

E la ragione di ciò va ricercata, in gran parte, nel fatto che il Duomo di Spoleto non è un edificio sorto tutto in un tempo, con un solo e schietto carattere stilistico, a cancellare completamente il quale, nei secoli di decadenza, non riescono nemmeno i


  1. Milano, Lampato, 1840: versione dal francese di Gaetano Imperatori.
  2. Abbiamo posta, qui avanti, una riproduzione, da una fotografia, del prospetto del Duomo di Spoleto, affinchè il colto lettore, da quella, meglio che da una descrizione qualsiasi, possa farsi un’idea esatta del vero carattere dell’edificio.