Apri il menu principale

Pagina:Giuseppe Conti Firenze vecchia, Firenze 1899.djvu/93


Giuseppe Conti Firenze vecchia, banda in alto 1899 (page 47 crop).jpg

V

La Toscana restituita a Ferdinando III


Illuminazione e festeggiamenti - Gaudio generale - Editti e proclami - Un discorso del principe Rospigliosi - Cambiamento ufficiale del governo - Il giuramento - La processione del Coi-pus Doniùti.

Un editto del duca di Rocca Romana, plenipotenziario in Toscana di Gioacchino Murat, ordinò ai fiorentini in nome del suo re, che nelle sere del 29 e 30 aprile 18 14, in segno di spontaneo giubbilo «per il fausto avvenimento» del ritorno della Toscana a Ferdinando III, si facesse una solenne illuminazione, «giacché era piaciuto alla Divina Provvidenza di esaudire i preghi degli afflitti toscani.» E la mattina di quei due giorni, furono afiìssi per la città vari altri editti, che concernevano tutti il definitivo cambiamento di governo. «Per contrassegno di gratitudine al popolo fiorentino lo stesso re di Napoli ordinò che alle tre pomeridiane del 29 aprile fossero estratte alle Cascine ili ttna bene intesa ed elevata tribuna, cento doti di cento lire l’una ad altrettante povere zittelle della città.» Per quanto delle elevate tribune tutte ne avessero vedute, nessuno però era avvezzo a vederne una «ben intesa» e perciò parve forse una cosa anche più straordinaria; ed il popolo esultò a queste prove d’affetto così tenero, dategli per l’appunto quando Murat se ne andava. Non per questo però sarebbe tornato addietro; perchè ognuno 6. — Conti.

6. - CONTI