Apri il menu principale

Pagina:Giuseppe Conti Firenze vecchia, Firenze 1899.djvu/29


Giuseppe Conti Firenze vecchia, banda in alto 1899 (page 47 crop).jpg

II

La festa della libertà e i frutti dell’albero


Pio VI prigioniero - Il nuovo regime - Un bando del commissario - I Nuvoloni - L’albero della libertà - Feste ufficiali - Diciotto matrimoni - L’ortolana di Borgognissanti - Luminaria - Malcontento — I contadini a Firenze - Il prestito forzato - Requisizione di arredi sacri - Indignazione generale - La rivolta d’Arezzo - Viva Maria! - San Donato e la Madonna - La rivolta di Cortona - Una feroce ordinanza e un’energica risposta - Cortona si sottomette - Gl’insorti a Siena - La battaglia della Trebbia e la rivoluzione a Firenze - I francesi si allontanano dalla Toscana - Versi di un Pastor Arcade.

Come Ferdinando III non era stato buono a salvarsi per sé, molto meno lo fu per salvare Pio VI, che s’era rifugiato in Firenze, credendo d’esser più sicuro, e di sfuggire alle granfie di Napoleone, vivendosene più o meno tranquillo nel convento della Certosa. Appena entrati i francesi in Firenze, furono poste sessanta sentinelle attorno al monastero, che venne guardato anche da uno squadrone di cacciatori a cavallo, affinchè nessuno confabulasse più col Pontefice, che si considerava già come prigioniero della Repubblica. Ed il giorno stesso della partenza del Granduca, alcuni ufficiali francesi imposero al papa di partire alla volta di Parma, poiché tali erano gii ordini del Direttorio. Per conseguenza, la notte segaiente, Pio VI, col cardinale Laurenzana arcivescovo di Toledo, monsignore Spina arcivescovo di Corinto, monsignor Caracciolo maestro di camera, l’abate IVIarotti, un medico, alcuni preti e pochi domestici si preparò a partire alla

2. — Conti.