Apri il menu principale

Pagina:Giuseppe Conti Firenze vecchia, Firenze 1899.djvu/12

VIII Il perchè di questo libro


poti, e che hanno formato poi i preziosi diari e le storie nelle quali tutti hanno frugato ed hanno pescato. Dacché cominciò a generalizzarsi l’uso dei giornali, nessuno si diede più la briga di scriver nulla: ed ecco perchè, di molte cose curiose, intime e caratteristiche, se ne è perduta quasi la traccia.

Perciò, il prender ricordo e descrivere quelle che si riferiscono agli usi, ai costumi, alle tradizioni, ai luoghi ed alle persone di un’epoca che par già tanto lontana, mi è sembrata cosa utile. Ma a renderla ancora più interessante, ho voluto corredarla di illustrazioni che rappresentano, nella massima parte, tutto ciò che da molti anni è stato demolito in Firenze per abbellirla o ingrandirla, e di cui non si ha un ricordo, né una completa raccolta; ho riprodotto altresì scene di costumi e feste cadute in disuso.

E perchè il quadro fosse completo, ho creduto non affatto ozioso di delineare il fondo storico del periodo nel quale tanti fatti si svolsero, tante abitudini si contrassero, e tante altre vennero abbandonate, e di riassumerne da’ più antichi tempi la narrazione. Senza dipingere l’ambiente, non si comprenderebbe il perchè né il per come di tante cose narrate. Di un periodo storico che abbraccia sessant’anni di vita cittadina ho voluto studiare i governi, il comune, la reggia ed il popolo: una cosa si colleg’a sempre con l’altra, ed agevola e rende più evidente e più chiara la narrazione.

Scrivendo questo libro, mi sono valso d’un mio diritto; e il lettore ha quello di biasimarlo.... ma non c’è obbligo. È padrone anche di lodarlo!

Giuseppe Conti.

Firenze, 24 novembre 1898.