Pagina:Gelli - Codice cavalleresco italiano.djvu/302

276 Codice cavalleresco italiano

Nota. — Come si vede, il verbale in séguito ad accettazione di sfida è di una importanza capitale, perchè non solo è il documento, per il quale si prova al legislatore, che nulla venne trascurato dai rappresentanti per definire la vertenza senza far uso delle armi; ma è, altresì una specie di salvaguardia per l’operato dei rappresentanti stessi, tanto di fronte alla legge, quanto dinanzi all’opinione pubblica.

Verbale in séguito ad accettazione di sfida.

Data ore luogo della riunione. 

Il Signor M., ritenutosi offeso dal Signor N. pèrchè... (esporre le cause della vertenza), incaricò i Signori A. e B. di chiedere al Signor N. quelle riparazioni che reputassero necessarie alla difesa del suo onore.

Il Signor N. al quale i Signori A. e B. fecero personalmente (o per iscritto) conoscere il mandato avuto dal Signor M., dichiarava:

«di porsi immediatamente a disposizione del Signor M.», delegando a rappresentarlo, per le necessarie pratiche i Signori C. e D.

Convenuti i quattro rappresentanti ed esaminata la questione:

a) riconobbero l’opportunità di effettuare talune indagini e decisero di sospendere la seduta, per riunirsi poi nuovamente          (luogo ed ora della nuova convocazione nella quale si redigerà un nuovo verbale).

Oppure:

b) ritenendo che per ritrovarsi il Signor          (indicare le ragioni per le quali non si potè concedere la riparazione cavalleresca).

Ovvero:

c) essendo stato il risultato delle indagini fatte sfavorevoli al Signor          ritennero, che la quistione non po-