Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/350


E questi santi su di giro in giro

  65   mi fenno il fundamento lá giú in terra
       colla vertude del superno spiro.
       Questi per me si misero alla guerra,
       armati di vertude e cogli scudi
       di quella veritá, che mai non erra.
  70   Essendo agnelli tra li lupi crudi,
       combatteron per me li forti atleti,
       come per 'manza gli amorosi drudi.
       E, se lor corpi fûn morti e deleti
       di quella vita, che, vivendo, more,
  75   nell'alma fûn vittoriosi e lieti.--
       E, ditto questo, con grande splendore
       ritornò al cielo, ed io rimasi solo,
       ancor chiamando aiuto a Dio col core.
       Allor apparve a me l'apostol Polo,
  80   mostrando blando aspetto e lieto viso;
       e poscia disse a me come a figliolo:
       --Hai vista quella che del paradiso
       venne con Cristo e fondossi nel sasso,
       che dal celeste monte fu exciso?
  85   Fu impugnata pria da Satanasso,
       il qual commosse scribi e farisei
       per atterrarla, ovver per darla al basso.
       Allora Pietro e li compagni miei
       gli funno defensori in ogni corte,
  90   innanzi a' prenci e innanzi alli gran réi.
       E pensa quanto a noi pareva forte
       a suader che l'uomo a Dio s'unisse
       ed incarnasse e sostenesse morte,
       e che, resuscitando, rivestisse
  95   glorificato il corpo, ch'avea pria,
       e poi per sua virtú ch'al ciel salisse.
       E, benché questo paresse pazzia
       e che li predicanti fusson vòti
       d'umana possa e di vana sofia,