Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/318


E ciò che 'l ciel non toglie, mentre gira,

       dico memoria, volontá, intelletto
  30   e ciò che l'alma sciolta seco tira,
       possono usare ed usan con diletto,
       e la vertú che ama e che ragiona,
       e contemplar con atto piú perfetto.
       Ma 'l ben che Dio per grazia ne dona,
  35   se 'l dá a costui ed a quel nol concede,
       non però fa iniuria a persona.
       Per grazia è solo, non giá per mercede
       salir al paradiso; e tal acquisto
       far non si pò senza battesmo e fede;
  40   ché i battezzati col ben far permisto
       son quelli, a' quali Dio promette il cielo
       ed alli circoncisi innanzi a Cristo.
       Che alcun puniti siano in caldo e gelo
       per gran delitti e scelerosi mali,
  45   apertamente ne 'l mostra il Vangelo.
       Ma questi, ch'ebbon le vertú morali,
       benché del ben di grazia sien privati,
       non però perdon li ben naturali.
       E però qui tra questi belli prati
  50   a te mostrati son, che ti sia nota
       la gran vertú, della qual fûn dotati.
       Sí come Ezechiel vide la rota
       e vide Ieremia un'olla accesa,
       ed altro intende la mente devota;
  55   cosí qui altra cosa s'appalesa
       agli occhi tuoi, ed altra dalla mente
       nel senso vero debbe esser intesa.--
       Poiché mostrata m'ebbe la gran gente,
       quelle sante donzelle si partîro;
  60   ed io su salsi una piaggia repente,
       tanto che io pervenni al quarto giro,
       ove la quarta porta era chiusa anco;
       e 'l muro tutto avíe de fin zaffiro.