Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/235


p. 229

       Questa è che al furto ed alle forche mena
  65   e fa l'usura e barattier ricetta;
       questa è d'inganni e di menzogne piena.
       Questa fa che 'l figliol la morte aspetta
       del vivo padre, e, per esser ereda,
       spesse fiate a lui la morte affretta.
  70   Questa è che assassina, uccide e preda,
       dispregia Dio, all'uom è traditrice,
       e meretrica ed in molt'atti è feda.
       Questa è 'l mal seme e questa è la radice
       d'ogni altro mal; ché di lei uscir puote
  75   ogni altro vizio, sí come si dice.
       L'altra avarizia ancor, se tu ben note,
       è voglia accesa a conservare in arca;
       e questa fa cadere in molte mote.
       Questa è troppo tenace e troppo parca;
  80   ed è senza piatá e non sobviene,
       se il bisognoso chiede o si rammarca.
       Deh, dimmi, avar, che giovan l'arche piene,
       se l'Avarizia sí ti tien la mano,
       che a te, né ad altri non ne puoi far bene?
  85   E forse lasserai erede estrano,
       che non vorresti, e forse sará alcuno,
       che dir potrai:--Ho conservato invano.--
       Or non sai tu ch'ogni ben è comuno
       nel gran bisogno e che nell'ampia mensa
  90   parte ci ha 'l nudo povero e digiuno?
       Ma ciò ch'avanza o che mal si dispensa,
       il bisognoso può dir che gli è tolto
       e la indigenza iniustamente offensa.--
       Quando tutto il processo ebbi raccolto,
  95   i' dissi a lei:--Non ho bene compreso
       un detto, che 'l pensier mi grava molto.
       Tu di' che la Menzogna, s'io l'ho inteso,
       è figlia della lupa iniqua e ria,
       che dopo il pasto ha piú 'l disio acceso.

p. 230

 100