Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/212


Ben mille poi trovai nel cammin duro,

       ch'avíen del viso infiata sí la pelle,
       che ciascun occhio in lor facea oscuro.
       Io dissi ad uno:--I' prego che favelle,
 140   e di' chi fusti e perché tu non vedi
       la terra e 'l cielo e l'altre cose belle.--
       Rispose:--Se del nome mi richiedi,
       detto fui Alardo e fui 'n Parigi artista
       e tanto a vanitá ivi mi diedi,
 145   ch'io curai solo a parer buon sofista;
       e cosí fen quest'altri, che stan meco:
       però a ciascuno è qui tolta la vista,
       ché 'n sapienza ognun fu vano e cieco.--


p. 207