Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/180


Ed alcun altro, quando posi mente,

       di fuor pareva pur un sant'Antonio
  30   e dentro un lupo rapace e mordente.
       Agnol di fòre, e dentro era un demonio
       alcun di quei, quando li vedea nudi:
       se dico il ver, Dio mi sia testimonio.
       --O sacra dea, che tanto ben mi scudi
  35   --diss'io a lei:--oh quanto tradimento!
       quanti Gani stan qui e quanti Iudi!
       Sí come ad Amasa giá prese il mento
       Ioab e disse a lui:--Salve, fratello!--
       mentre l'uccise con pena e tormento;
  40   cosí sotto al sembiante blando e bello
       molti di questi nascondon l'inganno,
       che portan dentro al cor malvagio e fello.--
       Ed ella a me:--Quando risurgeranno
       questi cotal dalla falsa apparenza,
  45   la vista, che han dentro, prenderanno;
       ché Dio ha dato lor questa sentenza,
       che forma umana da lor non si pigli,
       da che han mutata in bestia lor semenza.
       Or mira in alto ed alza su li cigli.--
  50   Ond'io li alzai e vidi le tre Furie
       col volto irato e cogli occhi vermigli.
       Figura avean di donna, a cui iniurie
       un'altra donna pel tolto marito,
       quando si turba che con lei lussurie.
  55   Col viso irato, crudele ed ardito
       strigneano i denti e strabuzzavan gli occhi
       inverso me, menacciando col dito.
       --Regina mia--diss'io,--or non adocchi
       che di paura io vengo tutto manco
  60   e tremanmi le gambe e li ginocchi?--
       Ed ella a me:--Sta' forte e col cor franco,
       e non temer niente i lor fragelli,
       mentre hai lo scudo mio e staimi a fianco.