Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/123


e Moisés e ciascun patriarca

       e David re e tutti li profeti
       menò al cielo, ov'è 'l primo Monarca.--
       Ed io a lei:--Li saggi e li poeti
 140   sonno egli qui? e gli antichi romani?
       o sonno in lochi piú felici e lieti?--
       Ella rispose:--In questi prati vani
       non son cotesti, che lor alti ingegni,
       come giá dissi, han lochi piú soprani.
 145   Virtú e fama loro ha fatti degni
       a star con Marte ed a star con le muse
       e con Apollo in piú splendenti regni.--
       Poscia la man deritta alla mia puse,
       trassemi per la porta, onde mi mise;
 150   e, ratto ch'io fui fuora, ella si chiuse.
       Cosí dal tristo limbo mi divise.


p. 118