Pagina:Frascherie.djvu/120

120 Delle Frascherie
Contra un Zerbino, in cui fù versato da una finestra un vaso di acqua.

Odalo Momarte, à cui forse non sarà ancora pervenuto à notitia, per la sua lunga lontananza da Effeso.


ERa una volta un giovane lascivo,
     Poltron di cor: ma d’una spada brava,
     Riccio il capel come Interrogativo,
     E’ mustacci à Parentesi portava.
Sempre aà Donne correa, ma non corrivo;
     Sempre lascivo, un soldo non lasciava:
     Così haveva nel piè l’argento vivo,
     Mentre l’argento in borsa agonizava.
Fornicando finestre un dì sen giva,
     Quand’ecco ergendo ad un balcon la fronte
     Lavogli il capo un vaso di lisciva.
Disse uno all’hor, che havea l’argutie pronte
     Se la beltà di specchio non và priva,
     Ecco Narciso hà ritrovato il Fonte.

Quì ridendo con gl’altri, Momarte riattaccò il suo interrotto ragionamento; così ricominciò a dire.

Un antico Poeta motteggia co’ seguenti versi della melensaggine di Claudio, in soffrire gli usurpati dominij della