Apri il menu principale

Pagina:Ferrero - Meditazioni sull'Italia, 1939.djvu/75

56 meditazioni sull’italia letteraria


nulla, nulla. Un’amico mi chiedeva qualcosa da leggere, e io non ho saputo consigliargli che dei libri inglesi: Gilbert Frankau, per esempio, ecco un romanziere. »

« II nostro ospite — disse un altro dolcemente — ha scritto dei romanzi. »

« Ah si? — rispose con la stessa calma la signora — Certo è che io non sono mai riuscita a trovar qualcosa di leggibile nella letteratura italiana. Mi consiglio sempre con il mio libraio, che mi manda dei libri in esame; ma glieli rimando in genere tutti quanti. »

« Ci sono dei giovani — disse lo scrittore — delle ultime generazioni, che hanno scritto dei buoni libri. Gliene presento tre ». E glieli presentò.

« Ah si? rispose la signora, io leggo i romanzi di Blasco Ibañez - quello è un romanziere! - perchè è uno scrittore di fama europea. Nessuno sa che i loro libri sono pubblicati. »

« E’ un gran male, disse lo scrittore, che i mezzi di comunicazione tra la Repubblica delle lettere e il pubblico stiano sparendo. Il pubblico non crede più ai giornali. Non ci sono quasi più riviste. Gli editori falliscono. I librai non pagano gli editori... »

« Ma naturale! Ma naturale! ribattè la signora, non si scrivono buoni libri! »

Questa conversazione sembra quasi incredibile a leggersi e lasciò tutti molto stupefatti. La signora se ne andò senza aver capito perchè, ma oppressa da un vago malessere. Quando si rimase a quat-