Apri il menu principale

Pagina:Ferrero - Meditazioni sull'Italia, 1939.djvu/63

44 meditazioni sull’italia letteraria


vita non permette nè di riattaccarsi al passato nè al resto del mondo.

10 Novembre

Paragoniamo l’intellettuale italiano e quello francese.

L’intellettuale francese nasce coll’istinto del gruppo. Appena è in età di meditare si cerca un maestro che lo riattacchi a una tradizione; appena comincia a scrivere si cerca compagni coi quali fondare una scuola.

Il gruppo è la disciplina che la Francia ha imposto alla sua intelligenza, è la forma che ha dato alla sua civiltà. Perciò la civiltà francese è forse quella che si potrebbe chiamare la più frondosa d’Europa.

Quando la si studia, la civiltà francese ci appare come un mosaico di gruppi. La famiglia, prima di tutto; tumefatta dai cugini, dagli zii, dai padrini, dai vecchi amici di casa, che fanno valanga, primo gruppo formidabile del quale si sente il peso in certe occasioni, e che si stende splendidamente sugli annunzi di matrimonio o sulle partecipazioni di morte.

Uno scrittore inglese, Cloudesley Breretons, mi faceva appunto osservare come fossero diversi gli annunzi di matrimonio francesi, negri di nomi e di titoli, e quei due piccoli cartoncini splendenti di candore dove i due inglesi che hanno da sposare non stampano che i loro nomi.