Apri il menu principale

Pagina:Ferrero - Appunti sul metodo della Divina Commedia,1940.djvu/259


Non lo dice mai. E non descrive il mormorio della pioggia nè ci dice in che modo egli vibri insieme a tutte le gocce. Si contenta di scrivere:

O bruit doux de la pluie
par terre et sur les toits!

Eppure con questi due soli versi, facendo rispondere la rima e la parola finale nei versi che seguono, risveglia in noi tutto il fluido gocciolare e tutta la dolce tristezza di una giornata di pioggia. E finisce lasciandoci in uno stato d’animo di aspettazione, come se ascoltassimo una musica di cui non si ricorda il principio e che non può finire; e dopo quell’ultima quartina sentiamo scivolare altri versi, senza fine:

C’est bien la pire peine
de ne savoir pourquoi,
sans amour et sans haine;
4mon coeur a tant de peine...

La rima lunga e non tronca, con la ripetizione della parola «peine» ci dà appunto quell’illusione di indeterminato. E bisogna, a proposito del simbolismo, notare una strana contraddizione dell’arte decadente. Perchè simbolismo vuol dire illusione, o suggestione, e quindi,


243