Apri il menu principale

Pagina:Esilio - Ada Negri, 1914.djvu/113


L'oasi 103



di visïoni: occhi di maraviglia
innocente, pel prato ch’è sì verde,
pel cielo ove la nuvola si perde
28e il pesco che tremando s’invermiglia.


Niuno ancora sul labbro ti baciò.
Niuno ancora sul cuor li camminò,
le vesti con le carni ti stracciò,
32sotto suola di ferro ti pestò.


Salvati!... Spranga della tua memoria
tutte le porte!... — Sei bambina. — Hai viso
di fiore, carne che non duole, riso
36senza doppiezza, cuore senza storia.


Scrive ora sulla tua pagina bianca
i primi segni di bellezza il petalo
aerëo, che in tacita e quieta
40discesa, dal sognante albero, manca.