Pagina:Eneide (Caro).djvu/667

626 l'eneide [1542-1548]

Ti dà Pallante, e da Pallante il prendi,
A lui, per mia vendetta e per sua vittima,
Te, la tua pena, e ’l tuo sangue consacro.
E, ciò dicendo, il petto gli trafisse.1545
Allor da mortal gielo il corpo appreso
Abbandonossi; e l’anima di vita
Sdegnosamente sospirando uscío.


[948-952]


Fine