Pagina:Eneide (Caro).djvu/630

[620-644] libro xii. 589

620Che la corazza ancor che doppia e forte,
Stracciogli, e ’n fino al vivo lo trafisse
Ma di lieve puntura. Ond’ei rivolto,
E ’mbracciato lo scudo e stretto il brando,
Contra gli s’affilava, e per soccorso
625Gridava intanto. Ma la ruota e l’asse
Ch’erano in moto, urtandolo, a rovescio
Gittârlo; e Turno immantinente addosso
Sagliendogli, infra l’elmo e la gorgiera
Il collo gli recise, e dal suo busto
630Tronco il capo lasciogli in su l’arena.
     Mentre così vincendo e d’ogni parte
Con tanta strage il campo trascorrendo
Se ne va Turno; Enea dal fido Acate,
Da Memmo e dal suo figlio accompagnato
635(Come da la saetta era ferito),
Sovr’un’asta appoggiato, a lento passo
Verso gli alloggiamenti si ritragge.
Ivi contro a lo stral, contro a se stesso
S’inaspra e frange il tèlo, di sua mano
640Ripesca il ferro. e poi che indarno il tenta,
Comanda che la piaga gli s’allarghi
Con altro ferro, e d’ogn’intorno s’apra,
Sì che tosto dal corpo gli si svelga,
E tosto alla battaglia se ne torni.

[376-390]