Pagina:Eneide (Caro).djvu/591

550 l'eneide. [1095-1119]

Due corpi de’ maggiori e de’ più forti1095
Del troian oste. A Bute un colpo trasse
Che ’l giunse ove tra l’elmo e la corazza
Si scopre il collo, onde lo scudo appeso
Sta da sinistra. Orsìloco, fuggendo
E gridando, gabbò; ch’al giro interno1100
S’attenne e strinse; e là ’ve era seguita,
Seguitò lui. Gli fu sopra in un tempo
A colpi di secure, e l’armi e l’ossa
Gli pestò sì che per suo scampo a’ prieghi
Si volse. Alfine un tal sopra la testa1105
Ne gli piantò, che le cervella infrante
Gli schizzâr da la fronte e da le tempie.
D’Àüno montanar de l’Appennino
Il bellicoso figlio a l’improvviso
Fu da lei còlto: un Ligure scaltrito,1110
Che per ordire inganni (in fin che ’l fato
Gliel concedè) non degli estremi avuto
Era tra’ suoi. Costui nel primo incontro
Sbigottito fermossi. E poichè vide
Non poter con la fuga a lei sottrarsi,1115
Che gli era sopra, a la malizia usata
Ricorrendo: Oh! gran prova, a dir comincia
Sarà la tua, se ben femina sei,
Di sfidar me, quando a un caval t’affidi

[690-706]