Pagina:Eneide (Caro).djvu/585

544 l'eneide. [945-969]

E devota virago; Italo, o Teucro945
Che sia. Poscia io verrò di nube involta
A provveder che ’l miserabil corpo
Non sia d’armi spogliato, e che raccolto
Sia ne la patria, e seppellito e pianto.
     Così dicendo, entro un sonoro nembo,950
Da’ mortali occhi non veduta, a terra
Lievemente calossi. I teucri intanto
E i toschi duci le lor genti avanti
Spingendo, a la città s’avvicinaro.
Piena d’armi, d’insegne, di cavalli955
E di schierati fanti e di squadroni
Si vedea la campagna. Eran per tutto
Gualdane, giramenti, scorribande
Di cavalieri: in secche selve i colli
Parean conversi: ardea la terra e ’l cielo960
Di ferrigni splendori, e d’ogni parte
S’udian fremer cavalli e squillar trombe.
     Incontro a lor da l’altra parte usciro
Il fier Messápo, i cavalier latini,
Corace col suo frate, e di Camilla965
La bellicosa banda. Era il concorso
Tuttavia de le genti, e de’ cavalli
Il fremito maggiore. E già la massa
Ristretta, e già vicine ambe le parti

[591-608]