Pagina:Eneide (Caro).djvu/575

534 l'eneide. [695-719]

La gran volsca virago, che n’addusse695
Di cavalieri e di caterve armate
Sì bella gente. E se me solo appella
Il nemico a battaglia, e se v’aggrada
Che sol io gli risponda ed io sol osto
Al ben comune, io solamente assumo700
Sopra me questa impresa. E già non credo
Che le mie man sì la vittoria abborra,
Che per tanta, ch’io n’aggia, e speme e gioia,
Accettar non la deggia. Andrògli incontro
Con l’animo, se fosse anco maggiore705
Del magno Achille, e come Achille, anch’egli
L’armi di Mongibello indosso avesse.
Io Turno, io che non punto a qual si fosse
Mai degli antichi di valor non cedo,
Questa mia vita stessa a voi, Latini,710
Ed a Latin mio suocero consacro
Solennemente. Enea me solo invita.
L’accetto, il bramo e ’l prego, anzi che Drance,
S’ira è questa di dio, con la sua morte
La purghi, o che la gloria me ne tolga,715
S’è pur gloria o vertute. In cotal guisa
Consultando i Latini avean tra loro
Dispareri e tenzoni. Usciti a campo
Erano i Teucri intanto. Ed ecco un messo

[432-447]