Pagina:Eneide (Caro).djvu/574

[670-694] libro xi. 533

E glorïoso spirito sarebbe670
Chi, per ciò non veder, morto si fosse.
Ma se le nostre forze ancor son verdi,
La nostra gioventù florida, intatta,
Disposta e pronta a l’armi; e per sussidio
I popoli d’Italia e le cittadi675
Son con noi tutte; e s’a’ nemici ancora
Sanguinosa, dannosa e poco lieta
È questa gloria; ed han de’ morti anch’essi
La parte loro; e la tempesta è pari
D’ambe le parti; a che nel primo intoppo680
Con tanto scorno, a noi stessi mancando,
Gittarne a terra? a che tremare avanti
Che la tromba si senta? A la giornata
Il tempo stesso, il varïar de’ casi,
L’industria, le vicende, il moto e ’l giuoco685
Potria de la fortuna in molte guise,
Come suol l’altre cose, ancor le nostre,
Cangiando, risarcire, e porre in saldo.
Non avrem Dïomede in nostro aiuto;
Avrem Messápo; avremo il fortunato690
Tolunnio; avrem tant’altri incliti duci
Di tant’altre città. Nè di men gloria,
Nè di minor virtù saranno i nostri
Di Laurento e di Lazio. Avrem Camilla,

[417-432]