Pagina:Eneide (Caro).djvu/561

520 l'eneide. [345-369]

Vie più le cose, come a Turno infesto,345
Attestando dicea che sol con Turno
Volea briga il Troiano, e che sol esso
Era a pugna con lui cerco e chiamato.
Altri d’altro parere, altre ragioni
Dicean per Turno: e ’l gran nome d’Amata350
E ’l suo favore e di lui stesso il merto
Con la fama de’ suoi tanti trofei
Sostenean la sua causa. Ed ecco, intanto
Che così si tumultua e si travaglia,
Mesti sopravvenir gl’imbasciadori355
Ch’in Arpi a Dïomede avean mandati;
E riportar, che le fatiche e i passi
Avean perduti: che nè dono alcuno,
Nè promesse, nè preci, nè ragioni
Furon bastanti ad impetrar soccorso360
Nè da lui nè da’ suoi: ch’era d’altronde
Di mestiero a’ Latini avere altr’armi,
O trattar co’ nemici accordo e pace.
     Gran cordoglio sentinne, e gran rammarco
Ne fece il re Latino. E ben conobbe365
Che manifestamente Enea da’ fati
Era portato; e via più manifesta
Si vedea degli Dei l’ira davanti
In tanta che de’ suoi negli occhi avea

[220-233]