Pagina:Eneide (Caro).djvu/546

[1417-1431] libro x. 505

E ’l Tosco a lui, poichè l’afflitte luci
Al ciel rivolse, e seco si ristrinse:1415
Crudele, a che m’insulti? A me di biasmo
Non è ch’io muoia, nè per vincer, teco
Venni a battaglia. Il mio Lauso morendo
Fe con te patto che morissi anch’io.
Solo ti prego (se di grazia alcuna1420
Son degni i vinti) che ’l mio corpo lasci
Coprir di terra. Io so gli odi immortali
Che mi portano i miei. Dal furor loro
Ti supplico a sottrarmi, e col mio figlio
Consentir ch’io mi giaccia. E ciò dicendo1425
La gola per se stesso al ferro offerse;
E con un fiume che di sangue sparse
Sopra l’armi, versò l’anima e ’l fiato.

[898-908]