Pagina:Eneide (Caro).djvu/507

466 l’eneide [445-469]

Via, gente eletta, ite con tutti i remi,445
Di tutta forza, e sì pingete i legni,
Che si faccian da lor canale e stazzo.
Dividete co’ rostri e con le prore
Questa nemica terra: in questa terra
Mi gittate una volta, e che che sia450
Segua poi del navile. A questo pregio
Non curo del suo danno: afferri, e pèra.
     Al detto di Tarconte alto in su’ remi
Levârsi e sí co’ rostri a’ liti urtaro,
Ch’empiêr di spuma il mar, di sabbia i campi;455
E i legni tutti ne l’asciutto infissi
Fermârsi interi. Ma non già, Tarconte,
Il legno tuo, che d’una ascosa falda
Ebbe di sasso in approdando intoppo;
Dal cui dorso inchinato, e dal mareggio460
Lungamente battuto, alfin del tutto
Aperto e sconquassato, in mezzo a l’onde
Le genti espose; e ’l peso e l’imbarazzo
De l’armi, e gli armamenti infranti e sparsi
Del rotto legno, e ’l flutto che rediva465
Le tennero impedite e risospinte.
     Turno le schiere sue rapidamente
Al mar condusse, e tutte in ordinanza
Su ’l lito incontra a’ Teucri le dispose.


[294-309]