Pagina:Eneide (Caro).djvu/499

458 l'eneide. [245-269]

Uscio d’Enea la capitana avanti.245
     Questa avea sotto al suo rostro dipinti,
Quai sotto al carro de la madre Idea,
Due che ’l legno traean frigi leoni,
E d’Ida gli pendea di sopra il monte,
Amaro suo disio, dolce ricordo250
Del patrio nido. In su la poppa assiso
Stava il duce troiano; e da sinistra
Avea d’Evandro il figlio, che tra via
L’interrogava or del vïaggio stesso
E de le stelle, ed or degli altri suoi255
O per terra o per mar passati affanni.
     Apritemi Elicona, alme sorelle,
E cantate con me che gente e quanta
D’Etruria Enea seguisse, e di che parte,
E con qual’armi e come il mar solcasse.260
     Mássico il primo in su la Tigre imposto
Avea di mille giovini un drappello,
Che di Chiusi e di Cosa eran venuti
Con l’arco in mano e con saette a’ fianchi.
Appresso a lui, seguendo, il torvo Abante265
Sotto l’insegna del dorato Apollo
Seicento n’imbarcò di Populonia,
Trecento d’Elba, in cui ferrigna vena
Abbonda sì, che n’erano ancor essi

[157-174]