Pagina:Eneide (Caro).djvu/496

[170-194] libro x. 455

Aver per rata, e non punto inchinarmi170
Più da quei che da questi: e sia l’assedio
De’ Teucri o per destino, o per errore,
O per false risposte. E ciò dico anco
De’ Rutuli. Il successo e buono e rio
Fia d’una parte e d’altra qual ciascuna175
Per sè lo s’ordirà. Giove con ambi
Si starà parimente, e ’l fato in mezzo.
Così detto, il torrente e la vorago
E la squallida ripa e l’atra pece
D’Acheronte giurando, abbassò ’l ciglio,180
E tremar fe col cenno il mondo tutto.
Finito il ragionar, suso levossi
Del seggio d’oro; e gli fer tutti intorno
Corona e compagnia fino a l’albergo.
     L’essercito de’ Rutuli stringendo185
L’assedio intanto, in su le porte e ’ntorno
Facea de la muraglia incendi e stragi;
E i Teucri assedïati, entro ai ripari
E sopr ai torrïoni a la difesa
Stavan, miseri! indarno; e senza speme190
Di fuga un raro cerchio avean disteso
Su per le mura. Era de’ primi Iaso
D’Imbrásio il figlio, e ’l figlio d’Icetone
Detto Timete, e ’l buon Cástore insieme

[108-124]