Pagina:Eneide (Caro).djvu/465

424 l'eneide. [695-719]

Dei due compagni uccisi, il morto corpo695
Al campo ne portâr del duce loro:
Lagrimosa vittoria! E non meno anco
Fu nel campo di lagrime e di lutto,
Allor che di Rannète e di Serrano
E di Numa la strage si scoverse,700
E di tant’altri ch’eran morti in prima.
Corse ognuno a veder; chè parte spenti,
Parte eran mezzi vivi; e caldo e pieno
E spumante di sangue era anco il suolo
Ove giacean quegl’infelici estinti.705
Riconobber tra lor le spoglie e l’elmo
E ’l cimier di Messápo, e i guarnimenti
Che con tanto sudor ricoverati
S’erano a pena. Era vermiglio e rancio
Fatto già de la notte il nero ammanto,710
Lasciando di Titon l’Aurora il letto;
E comparso era il sole, e discoverto
Già ’l mondo tutto, allor che Turno armato
A l’arme, a l’ordinanza, a la battaglia
Concitò ’l campo; e diede ordine e loco715
Ciascuno a’ suoi. Vendetta, ira e disio
D’assalir, di combatter, di far sangue
Vedeansi in tutti. A due grand’aste in cima
Conficcaron le teste (orribil mostra!)

[451-465]