Pagina:Eneide (Caro).djvu/460

[570-594] libro ix. 419

I forti omeri indarno. Appresso in campo570
S’adattò di Messápo un lucid’elmo
D’alto cimiero adorno: e ’n questa guisa
Se ne partian vittorïosi e salvi.
     Intanto di Laurento eran le schiere
Uscite a campo, e i lor cavalli avanti575
Precorrean l’ordinanza, ed al re Turno
Ne portavano avviso. Eran trecento
Tutti di scudo armati; e capo e guida
N’era Volscente. Già vicini al campo
Scorgean le mura; quando fuor di strada580
Videro da man manca i due compagni
Tener sentiero obliquo. Era un barlume
Là ’v’era l’ombra, e là ’v’era la luna,
A gli avversi suoi raggi la celata
Del male accorto Eurïalo rifulse.585
Di cotal vista insospettì Volscente,
E gridò da la squadra: Olà, fermate.
Chi viva? A che venite? Ove n’andate?
Chi siete voi? La lor risposta incontro
Fu sol di porsi in fuga e prevalersi590
De la selva e del buio. I cavalieri
Ratto chi qua chi là corsero a’ passi,
Circondarono il bosco; ad ogni uscita
Posero assedio. Era la selva un’ampia

[364-381]