Pagina:Eneide (Caro).djvu/453

412 l'eneide. [395-419]

Per la casa d’Assaraco, per quanto395
Dovete al sacro e venerabil nume
De la gran Vesta, ogni fortuna mia
Ponendo, ogni mio affare in grembo a voi,
Vi prego a rivocare il padre mio.
Fate ch’io lo riveggia; e nulla poi400
Sarà di ch’io più tema. E già vi dono
Due gran vasi d’argento, che scolpiti
Sono a figure; un de’ più ricchi arnesi
Che del sacco d’Arisba in preda avesse
Il padre mio; due tripodi; due d’oro405
Maggior talenti, ed un tazzone antico
De la sidonia Dido. E se n’è dato
Tener d’Italia il desïato regno,
E che preda sortirne unqua mi tocchi,
Quello stesso destrier, quelle stesse armi410
Guarnite d’oro, onde va Turno altero,
E quel suo scudo, e quel cimier sanguigno
Sottrarrò dalla sorte; e di già Niso,
Gli ti consegno; e ti prometto in nome
Del padre mio che largiratti ancora415
Dodici fra mill’altri eletti corpi
Di bellissime donne e dodici altri
Di giovini prigioni, e l’armi loro
Con essi insieme, e di Latino stesso

[259-274]