Pagina:Eneide (Caro).djvu/450

[320-344] libro ix. 409

Son più degni i tuoi giorni, e sì perch’io320
Aggia chi dopo me, se non con l’arme,
Almen con l’oro il mio corpo ricovre,
E lo ricuopra. E s’ancor ciò m’è tolto,
Alfin sia chi d’esequie e di sepolcro
Lontan m’onori. Oltre di ciò cagione325
Esser non deggio a tua madre infelice
D’un dolor tanto: a tua madre che sola
Di tante donne ha di seguirti osato,
I comodi spregiando e la quïete
De la città d’Aceste. A ciò di nuovo330
Eurïalo rispose: Indarno adduci
Sì vane scuse; ed io già fermo e saldo
Nel proposito mio pensier non muto.
Affrettianci a l’impresa. E, così detto,
Destò le sentinelle, e le ripose335
In vece loro; e l’uno e l’altro insieme
Se ne partiro, e ne la reggia andaro.
     Tutti gli altri animali avean, dormendo,
Sovra la terra oblio, tregua e riposo
Da le fatiche e dagli affanni loro.340
I Teucri condottieri e gli altri eletti,
Che de la guerra avean l’imperio e ’l carco,
S’erano e de la guerra e de la somma
Di tutto ’l regno a consigliar ristretti:

[212-226]