Pagina:Eneide (Caro).djvu/443

402 l'eneide. [145-169]

Più tosto allor che saran giunte al fine,145
E che in porto saranno, a quelle tutte
Che, scampate da l’onde il teucro duce
Avran ne’ campi di Laurento esposto,
Torrò la mortal forma, e dee farolle
Che qual di Nèreo e Doto e Galatea150
Fendan coi petti e con le braccia il mare.
Così detto, il torrente e la vorago
E la squallida ripa e l’atra pece
D’Acheronte giurando, abbassò ’l ciglio,
E fe’ tutto tremar col cenno il mondo.155
Or questo era quel dì, quest’era il fine
Da le Parche dovuto ai teucri legni:
Onde la madre idèa contra l’oltraggio
Si fe’ di Turno, e gli sottrasse al foco.
Primieramente inusitata luce160
Balenando rifulse; indi un gran nembo
Di Coribanti per lo ciel trascorse
Di vèr l’aurora; ed una voce udissi
Ch’empiè di meraviglia e di spavento
L’un esercito e l’altro: O miei Troiani,165
Dicendo, non vi caglia a’ miei navili
Porger soccorso; nè perciò nel campo
Uscite a rischio. Arderà Turno il mare
Pria che le sacre a me dilette navi.

[98-116]