Pagina:Eneide (Caro).djvu/441

400 l'eneide. [95-119]

Incontro a lor che gli son lunge, accoglie;95
Così gli occhi di foco e ’l cor di sdegno
Il Rutulo infiammato, anelo e fiero
Va de’ nimici agli steccati intorno,
Ogni loco, ogni astuzia, ogni sentiero
Lnvestigando, onde o co’ suoi vi salga100
O lor ne sbuchi, e ne gli tiri al piano.
     Alfin l’armata assaglie, ch’a’ ripari
Da l’un canto congiunta, entro un canale
D’onde e d’argini cinta, era nascosta.
Qui foco esclama, e foco di sua mano105
Con un ardente pino a’ suoi seguaci
Dispensa, e lor con la presenza accende:
Onde tosto e le faci e i legni appresi,
Fumo, fiamme, faville e vampi e nubi
E volumi di pece al ciel n’andaro.110
     Muse, ditene or voi qual nume allora
Scampò de’ Teucri i legni, e come un tanto
De la novella Troia incendio estinse.
Fama di tempo in tempo e prisca fede
N’avvera il fatto, e voi conto ne ’l fate.115
     Dicon che quando a navigar costretto
Enea primieramente i suoi navili
A formar cominciò nel bosco idèo:
D’Ida di Berecinto e degli Dei

[63-82]