Pagina:Eneide (Caro).djvu/370

[720-744] libro vii. 329

E ne’ suoi voti i suoi numi invocati,720
I Rutuli infra loro a gara armando
S’esortavan l’un l’altro; e tutti insieme
Eran tratti da lui, chi per lui stesso
(Che giovin era amabile e gentile),
Chi per la nobiltà de’ suoi maggiori,725
E chi per la virtude, e per le pruove
Di lui viste altre volte in altre guerre.
     Mentre così de’ suoi Turno dispone
Gli animi e l’armi, in altra parte Aletto
Sen vola a’ Teucri, e con nuov’arte apposta730
In su la riva un loco, ove in campagna
Correndo e ’nsidïando, il bello Iulo
Seguía le fere fuggitive in caccia.
Qui di súbita rabbia i cani accese
La virgo di Cocìto, e per la traccia735
Gli mise tutti; onde scopriro un cervo
Che fu poi di tumulto, di rottura,
Di guerra, e d’ogni mal prima cagione.
     Questo era un cervo mansueto e vago,
Già grande e di gran corna, che divelto740
Da la sua madre, era nel gregge addotto
Di Tirro e de’ suoi figli: ed era Tirro
Il custode maggior de’ regi armenti
E de’ regi poderi; ed egli stesso

[471-486]