Pagina:Eneide (Caro).djvu/366

[620-644] libro vii. 325

Ne venite con me, meco ululatene.620
     Così da Bacco e da le Furie spinta
Ne gía per selve e per deserti alpestri
La regina infelice, quando Aletto,
Ch’assai già disturbato avea il consiglio
Di re Latino e la sua reggia tutta,625
Ratto su le fosc’ali a l’aura alzossi;
E là ’ve già d’Acrisio il seggio pose
L’avara figlia, ivi dal vento esposta,
A l’orgoglioso Turno si rivolse.
Ardèa fu quella terra allor nomata,630
E d'Ardèa il nome insino ad or le resta,
Ma non già la fortuna. In questo loco
Entro al suo gran palagio a mezza notte
Prendea Turno riposo. Allor ch’Aletto
Vi giunse, e ’l torvo suo maligno aspetto635
Con ciò ch’avea di Furia, in senil forma
Cangiando, raggruppossi, incanutissi,
E di bende e d’olivo il crin velossi:
Calibe in tutto fessi, una vecchiona
Ch’era sacerdotessa e guardïana640
Del tempio di Giunone; e ’n cotal guisa
Si pose a lui davanti, e così disse:
     Turno, adunque avrai tu sofferto indarno
Tante fatiche, e questi Frigi avranno

[403-422]