Pagina:Eneide (Caro).djvu/355

314 l'eneide [345-369]

Non mai si pentirà d’aver i figli345
De la misera Troia in grembo accolti.
Io ti giuro, signor, per le fatiche,
Per gli fati d’Enea, per la possente
Sua destra, già per fede e per valore
Famosa al mondo, che da molte genti350
Molte fïate (e ciò vil non ti sembri,
Che da noi stessi a te ci proferiamo
E ti preghiamo) siam pregati noi,
E per compagni desïati e cerchi:
Ma dai fati, signor, e dagli Dei355
Siam qui mandati. Dàrdano qui nacque,
Qua Febo ne richiama. Febo stesso,
E quel di Delo, è ch’ai Tirreni, al Tebro,
Al fonte di Numíco, a voi c’invia.
Queste, oltre a ciò, poche reliquie e segni360
De l’andata fortuna e del suo amore
Il re nostro vi manda, che dal foco
Son de la patria ricovrate a pena.
Con questa coppa il suo buon padre Anchise
Sacrificava. Questo regno in testa,365
Quando era in solio, il gran Prïamo avea:
Questo è lo scettro, questa è la tïara,
Sacro suo portamento; e queste vesti
Son de le donne d’Ilio opre e fatiche.

[233-248]