Pagina:Eneide (Caro).djvu/351

310 l'eneide [245-269]

E cotali altre oprar contese e prove245
Di corso, d’attitudine e di forza.
     Tosto che compariscono, un messaggio
Quindi si spicca in fretta, e precorrendo
Riporta al vecchio re, che nuova gente
Di gran sembiante e d’abito straniero250
Vien dal mare a sua corte. Il re comanda
Che siano ammessi; e ne l’antico seggio
Per ascoltarli in maestà si reca.
     Era la corte un ampio, antico, augusto
Di più di cento colonnati estrutto255
In cima a la città sublime albergo:
Pico di Laürento il vecchio rege
L’avea fondata. Era d’oscure selve,
Era de’ numi de’ primi avi suoi
Sovra d’ogn’altra veneranda e sacra.260
Qui de’ lor scettri, qui de’ primi fasci
S’investivano i regi. In questo tempio
Era la curia, eran le sacre cene,
Eran de’ padri i pubblici conviti
De l’occiso arïete. Avea d’antico265
Cedro, nel primo entrar, un dietro a l’ altro,
De’ suoi grand’avi i simulacri eretti.
Italo v’era, e il buon padre Sabino,
Saturno con la vite e con la falce,

[165-180]