Pagina:Eneide (Caro).djvu/344

[70-94] libro vii. 303

Un re che vèglio e placido gran tempo70
Avea ’l suo regno amministrato in pace.
Questi nacque di Fauno e di Marica
Ninfa di Laürento, e Fauno a Pico
Era figliuolo, e Pico, a te, Saturno,
Del suo regio legnaggio ultimo autore.75
Non avea questo re stirpe virile,
Com’era il suo destino; e quella ch’ebbe
Gli fu nel fior de’ suoi verd’anni ancisa.
Sola d’un sangue tal, d’un tanto regno
Restava una sua figlia unica erede,80
Che già d’anni matura, e di bellezza
Più d’ogni altra famosa, era da molti
Eroi del Lazio e de l’Ausonia tutta
Desiata e ricerca. Avanti agli altri
La chiedea Turno, un giovine, il più bello,85
Il più possente e di più chiara stirpe
Che gli altri tutti; e più ch’a gli altri, a lui,
Anzi a lui sol la sua regina madre
Con mirabil affetto era inchinata.
Ma che sua sposa fosse, avverso fato,90
Vari portenti e spaventosi augúri
Facean contesa. Era un cortile in mezzo
A le stanze reali ove un gran lauro
Già di gran tempo consecrato e cólto

[46-60]