Pagina:Eneide (Caro).djvu/262

[670-694] libro v 221

Cedi a Dio, cedi; e, così detto, impose670
Fine a l’assalto. I suoi fidi compagni
Così com’era afflitto, infranto e lasso,
Col capo spenzolato, e con la bocca
Che sangue insieme vomitava e denti,
Lo portaro a le navi; e fu lor dato675
L’elmo, il cimiero e la promessa spada.
Rimase al vincitor la palma e ’l toro,
Di che lieto e superbo: O de la Dea -
Disse, famoso figlio, e voi Troiani,
Quinci vedete qual ne’ miei verd’anni680
Fu la mia possa, e da qual morte aggiate
Liberato Darète. E, ciò dicendo,
Recossi anzi al giovenco, e ’l duro cesto
Gli vibrò fra le corna. Al fiero colpo
S’aperse il teschio, si schiacciaron l’ossa,685
Schizzò ’l cervello; e ’l bue tremante e chino
Si scosse, barcollò, morto cadè.
Ed ei soggiunse: Èrice, a te quest’alma
Più degna di morire offrisco in vece
Di quella di Darète, e vincitore690
Qui ’l cesto appendo, e qui l’arte ripongo.
     Immantinente Enea l’altra contesa
Propon de l’arco, e i suoi premi dichiara.
Ma l’albero condur pria de la nave

[467-487]